home | | info editore | info sito | contatti | ordini
Ricerca in catalogo
Cosa cercare

Dove cercare
Persona Titolo
Collane
Vianesca/Poesia e narrativa
V/Storie gialle e noir
Studia/Scienze umane
Sos/Storia o storie
Juvenilia/Storie per ragazzi
Progetti
Virinforma/Rivista bimestrale
Unatantum/Rivista aperiodica
Didala/Rivista annuale
Link
Presentazioni e appuntamenti
Rassegna stampa
Premi letterari
Newsletter
Inserire la propria email

 
Viareggiok - 04.12.2011
Viareggiok - 04.12.2011
Una città sciatta e sciupata
di Anna Benedetto
"Oh Viareggio bella fata" cantava la canzone del Carnevale a firma di due fiorentini, Canocchi e Bellini. Viareggio oggi però le ali le ha perse, bruciate nel rogo del 29 giugno 2009, e da oltre quindici anni se ne va in giro sciatta e sciupata. La denuncia sul degrado e l'incuria che "devastano l'ex Perla del Tirreno" viene da un gruppo di cittadini che si è ritrovato per parlarsi, rimboccarsi le maniche forse, riconoscendosi nell'associazione "Versilia Nostra". Colpa di questa amministrazione? chiediamo all'autrice del volume "Viareggio era una città bellissima", Rossella Martina. "Sono quindici anni che Viareggio è abbandonata risponde e prima della giunta di centrodestra di Lunardini c'era Marcucci, di centrosinistra, che ha cementificato il territorio e indebitato il Comune". La signora non le manda certo a dire, e non è sola: alle presentazioni del libro gli indignati viareggini erano in 200 (quasi 500 sulla pagina di Facebook) e alla Croce Verde un'altra assemblea ha sancito la grande adesione a questo movimento. "Viareggio più bella dell'Oriente, scriveva Tobino ricorda Martina nel suo libro e in una frase così semplice c'era tutto il mistero di Viareggio. Oggi è una città sciatta, trascurata, volgare. Senz'anima". Il pamphlet mette in fila i disastri della città sotto gli occhi di tutti. Dai maldestri tentativi di rifacimento della passeggiata, alla recente passerella la cui pavimentazione in legno salta. Si parla anche di sicurezza, con Piazza D'Azeglio e la Marina di Torre del Lago terra di nessuno. La colpa? "Anche nostra, di noi cittadini. Siamo diventati invisibili, inesistenti". Ma da ieri sera qualcosa è cambiato.
Libri correlati
Rossella Martina
Viareggio era una città bellissima
Viaggio nel degrado e nell'incuria che devastano l'ex Perla del Tirreno
2011
Copertina di Franco Anichini

rassegna stampa
copyright | marco del bucchia marco del bucchia s.a.s. | p.i. 01859680462