home | | info editore | info sito | contatti | ordini
Ricerca in catalogo
Cosa cercare

Dove cercare
Persona Titolo
Collane
Vianesca/Poesia e narrativa
V/Storie gialle e noir
Studia/Scienze umane
Sos/Storia o storie
Juvenilia/Storie per ragazzi
Progetti
Virinforma/Rivista bimestrale
Unatantum/Rivista aperiodica
Didala/Rivista annuale
Link
Presentazioni e appuntamenti
Rassegna stampa
Premi letterari
Newsletter
Inserire la propria email

 
Agenparl.com - 20.10.2015
Agenparl.com - 20.10.2015
Prato cittAperta, un premio giornalistico dedicato alla cultura migrante
Gli elaborati dovranno essere inviati entro il 2 febbraio. Il 12 marzo la premiazione. "Prato cittAperta", un premio giornalistico letterario dedicato alla cultura migrante in Italia Faggi: "Prato è una città aperta agli altri e al mondo, la lingua italiana rappresenta quindi un importante veicolo di inclusione e di integrazione" Presentato questa mattina "Prato cittAperta 2016", il premio giornalistico letterario dedicato alla cultura migrante in Italia, organizzato dall'Associazione 6 Settembre di Figline di Prato, con il patrocinio del Comune di Prato. "Un premio unico in Italia, che vede coinvolti scrittori, poeti e giornalisti migranti, chiamati ad esprireme i loro punti di vista, le loro emozioni, i loro sogni e la loro quotidianità direttamente in italiano ha commentato il vice sindaco e assessore alle Politiche per la Cittadinanza Simone Faggi -. Prato è una città aperta agli altri e al mondo, la lingua italiana rappresenta quindi un importante veicolo di inclusione e di integrazione". Al concorso possono partecipare scrittori, poeti e giornalisti provenienti da fuori la Comunità Europea, con testi scritti in lingua italiana. Il tema è libero e la partecipazione al concorso gratuita. "La convivenza e l'integrazione devono passare anche dalla cultura ha spiegato Mirko Castellani, presidente dell'associazione 6 Settembre -. Prato, per la sua conformità e per la presenza capillare sul territorio di numerose etnie, è il luogo ideale dove proporre questo importante progetto". Il premio è suddiviso in tre sezioni: premio letteratura, assegnato dalla giuria all'opera ritenuta maggiormente meritevole; premio giornalismo, assegnato dal comitato di gestione al giornalista migrante che maggiormente si è distinto nel corso della sua carriera; premio diritti umani e solidarietà, assegnato dal comitato di gestione alla personalità italiana che si è maggiormente distinta nel corso degli anni nell'azione di tutela dei diritti umani e della solidarietà con le persone migranti. "La cultura, con tutte le sue espressioni, è uno dei veicoli fondamentali per favorire e incoraggiare l'integrazione e il reciproco rispetto di usi, tradizioni, costumi e storie molto diverse tra di loro ha aggiunto Andrea Genovali, ideatore del premio -. I migranti, usando l'italiano come lingua di incontro e mediazione, la stanno rendendo di nuovo viva e in trasformazione. Grazie a queste persone l'italiano torna ad essere pulsante e vivo. Un premio quindi volto a creare un ponte tra le diverse culture e volto a favorire l'integrazione e il dialogo tra popoli provenienti da paesi diversi e che usano l'italiano per comunicare tra di loro". Ogni partecipante può inviare una sola opera. Il testo deve essere inedito e la sua lunghezza può variare da un minimo di 10.000 ad un massimo di 60.000 battute spazi inclusi. L'elaborato deve essere inviato via mail all'indirizzo prato.cittaperta@gmail.com entro e non oltre il 1° febbraio 2016. Le opere saranno poi valutate da una giuria di valore, presieduta da Gino Barsella, formata da giornalisti e letterati. Al vincitore sarà consegnato un premio del valore di 500 euro. Tutti i testi saranno poi pubblicati dall'editore Marco Del Bucchia. La premiazione ufficiale si terrà sabato 12 marzo alle 17.
rassegna stampa
copyright | marco del bucchia marco del bucchia s.a.s. | p.i. 01859680462