home | | info editore | info sito | contatti | ordini
Ricerca in catalogo
Cosa cercare

Dove cercare
Persona Titolo
Collane
Vianesca/Poesia e narrativa
V/Storie gialle e noir
Studia/Scienze umane
Sos/Storia o storie
Juvenilia/Storie per ragazzi
Progetti
Virinforma/Rivista bimestrale
Unatantum/Rivista aperiodica
Didala/Rivista annuale
Link
Presentazioni e appuntamenti
Rassegna stampa
Premi letterari
Newsletter
Inserire la propria email

 
La Nazione (Firenze) - 10.11.2012
La Nazione (Firenze) - 10.11.2012
Andrea Boldi: il noir toscano va negli States
di Giustino Bonci
Il montevarchino vara il secondo romanzo e lavora al terzo. E pensare che fino alla quarta superiore... STAVOLTA non sarà il perspicace commissario Barton di Baltimora a dipanare la matassa e ad incastrare l'assassino. Nel suo nuovo thriller Andrea Boldi, lo scrittore «noir» montevarchino, ha deciso di cimentarsi in un complesso intrigo internazionale. Dalla piccola cittadina di River Town, teatro del riuscito giallo d'esordio «Nel buio», la vicenda si trasferisce addirittura a Washington. «Crisi nel potere», edito da Marco Del Bucchia, racconta di una cellula impazzita dell'Agenzia per la Sicurezza Nazionale, l'Nsa, che organizza un falso incontro tra il responsabile della Cia Martin Young e un candidato alla carica di governatore. L'intento è di screditare il buon nome di entrambi. In un crescendo di emozioni, la trama si arricchisce con il rapimento di un generale degli States, in Italia, e con gli ingredienti adatti (ma non vogliamo svelare troppo) a insaporire un volume mozzafiato. Per una curiosa circostanza, la seconda fatica del trentottenne valdarnese sarà presentata il 25 novembre, nei giorni successivi alla proclamazione del legittimo «inquilino» della Casa Bianca (ritratta nel disegno di copertina) dopo il voto espresso pochi giorni fa. APPASSIONATO dei massimi esponenti del genere 'crime', da Jo Ne-sbo a Stephen King o Simon Beckett, e paragonato da più di un critico nostrano a Carlo Lucarelli, Boldi si schermisce di fronte ai complimenti e ricorda di aver cominciato per puro caso: «Fino al quarto anno delle scuole superiori ammette non avevo mai considerato la lettura una priorità. Adoravo, piuttosto, i film d'azione e i serial tv polizieschi. A farmi cambiare idea è stata l'insegnante di Lettere con una sola frase, pronunciata dopo un compito d'italiano disastroso. 'Se non si comincia a leggere, non si impara neppure a scrivere'. Parole sante, almeno per il sottoscritto, tanto che ho deciso di darle retta. Rammento ancora il primo testo che acquistai, 'Tempi memorabili' di Carlo Cassola. Fu un vero colpo di fulmine e da quel momento decisi di mettermi alla prova». Andrea, di getto, butta giù un numero consistente di bozze e, di pari passo, 'divora' pagine su pagine, scoprendo per gradi la propria vocazione «thrilling». Spinto da Angela, compagna di vita e autentica musa ispiratrice, alla fine si convince ad inviare «Nel buio» ad alcune case editrici, compresa la 'Del Bucchia' di Massarosa. E in un batter d'occhio, il manoscritto è pubblicato: «I miei racconti nascono dalla quotidianità riprende e mi muovo sempre 'armato' di computer e fotocamera per intercettare subito il germe dell'idea e svilup-parlo. Spunti reali che aiutano a caratterizzare i personaggi e a descrivere situazioni molto lontane da qui. 'Crisi nel potere', tuttavia, è ambientato anche in Toscana, nella vicina Grosseto». E SULLA costa tirrenica, l'ultima domenica di questo mese, una rassegna prestigiosa come il «Pisa Book Festival» battezzerà il secondo libro di Boldi, dedicato ai genitori, Rolando e Maria Pia, e al fratello Giovanni. Non crogiolarsi sugli allori, in ogni caso, è la dote migliore di un autore. Ecco, allora, la nuova sfida, sotto forma di un terzo thriller, che si dipana tra Montevarchi e l'America. Qualche anticipazione? Andrea Boldi si lascia sfuggire solo due o tre dettagli, giusto per accrescere l'attesa: un laboratorio, la falsificazione di analisi mediche e l'annuncio della scoperta della cura per il cancro. Stop, guai a chiedere altro. Prima c'è da leggere «Crisi nel pote-re». A proposito, sabato 1 dicembre, a Terranuova Bracciolini (ore 17), si terrà l'incontro con lo scrittore nel salone dell'oratorio di San Benedetto, in via Fazia. Un'occasione per conoscere da vicino non solo una promessa della letteratura «noir», ma un ragazzo semplice che unisce lo scrivere al lavoro di impiegato a Siena e all'impegno nello sport. Sì, perché presiede l'Asd «La Coccinella», bella realtà della ginnastica valdarnese. Per info: www.andreaboldi.it o www.delbucchia.it.
Libri correlati
Andrea Boldi
Crisi nel potere
Giallo
2012

rassegna stampa
copyright | marco del bucchia marco del bucchia s.a.s. | p.i. 01859680462